Volunteers and Visitors: Caterina, Silvia and Selena from the Faculty of Medicine, Italy

This message was sent to us from some of our visitors from Italy that we’d like to share with you. We want to also thank them and the Maria Bonino Foundation which has supported our work for health care and children. Here is the translation:

We are three Italian medical students, Caterina, Silvia and Selena, and we attend the fifth year at the Faculty of Medicine in Italy. We would like to tell you about our experience in St. Philips, Swaziland, with Sister Diane and Sister Barbara, from July 25th to August 10th last year.

This experience began when Caterina met Sister Diane in Milan, Italy. Caterina was in the nursing home Columbus to give some materials to Sister Diane. They didn’t know each other before. Caterina works in the “Maria Bonino Foundation,” which supports humanitarian projects in Africa, especially within health services.

Caterina was really struck by the accidental meeting. In university she told her friend Silvia about the special person she had met. Sister Diane had told Caterina that visiting St. Philips could be a good opportunity for her work. Silvia was immediately affected by Caterina’s enthusiasm, and she thought that it was a wonderful idea to go there. The decision to leave was immediate, and Selly, another friend, came with us. We took the last exam on the 23rd of July and we left the following day.

Sister Barbara was waiting for us at the Manzini Airport. She drove the van through the roads of Swaziland to St. Philips. Our first impression was astonishment at the gratuity and generosity of the Sisters’ welcome for us. We were also struck by the amazing landscape, which is so different from the Italian landscape we are used to. We were stuck by the wide spaces, but also by the desolation: all around, just the “bush”, bare soil with tangled brushwood; above, a wide sky we have never seen before and a wonderful light spread everywhere. We thought we would find a village, but really, in Swaziland there are no villages- people live on homesteads. The mission is the only union point around there.

The house where we lived was very comfortable: this was another surprise! The Sisters had thought of everything: besides providing us with lots of supplies, they gave us a detailed program of what we could do during the week. As we are Italian, we are not used to such organization!

The following night we followed Jakonia to give some families blankets because in the night it’s really cold and moreover the huts, made of mud and straw, don’t have any other way of heating than fire. We were very astonished by the huts: it was night, the only lights came from the fire in the huts and the stars in the sky. For the first time in our lives we became aware of the beauty and the huge number of the stars- in Italy there is too much artificial light to see them- and the sky in the South of Africa is not as the one we are used to, it is like a huge bright cloak that surrounds and wraps in every direction. It’s really wonderful! But we were particularly struck by the people we met, and first of all Jakonia. In that simple gesture of giving the blankets, he had a very impressive familiarity, discretion and care so that the people in the homesteads didn’t feel ashamed.

We went in the homesteads to visit the patients with David, a very good nurse who works in the mission. It was an opportunity to get in touch with local people and see how it is important that health services take care of every single person in an individual way from the realistic and human points of view; it is often difficult for people to go to the mission to get treatment because of stigma or other reasons.

On Thursday, before the dawn, we left with Bongani in a truck to go to the homesteads around the mission to take people who needed to go to the hospital in Siteki. During our trip we got to know Bongani better. He doesn’t speak a lot, but he gave much attention towards us and the patients- he is a wonderful person.

In Siteki we learned of the work of doctors and nurses there, and we discovered that in all of Swaziland there are just 80 doctors! It was a good opportunity to get to know Swaziland from the health and medical points of view: hygienic conditions are very poor and particularly they need a qualified staff, who can also teach local people how to take care of patients.

We spent our free time in the orphan hostel; we met the teachers Simo, Siswei, Mtula and many of the children. We shared with them the activities during the afternoon: English classes, games, wood harvest in the bush. We enjoyed playing with them and teaching new games, but above all we really became fond of them! They’re very poor, but it’s incredible to see how happy they are, and they really enjoy themselves!

We helped out in the new Health Care Center, then, in the afternoon we went to Manzini by jeep with five women, who work in the mission, to buy some materials. We had an absurd but amusing trip: we had some moments of discouragements, in particular Caterina was not used to driving on the left side of the road and was worried about the bad conditions of the road: we got up the hills and over the bumps just thanks to our prayers! In Italy the streets, the traffic and the way of driving are very different- you should come and see!

During the following days the Sisters asked us to clean the windows in the Health Care Center. We worked with the workmen and we became friends with Stadium, who told us his story. We were happy to talk to him and this was another opportunity to discover that just working together it’s possible to transmit a different way to live, also to do the simplest things. It was very difficult to get accustomed to the African way of understanding group work and time, which is very different from the individual work in the West. As a matter of fact, we had to find a meeting point in order to cooperate with Stadium and the other workmen, listening and teaching each other. We experienced that the greatest help we can give isn’t finished projects to improve bad conditions, but we can give our time and lives in a different way, working together cooperatively. We shared the greatest aspects of our culture, for example, the attention to detail, our notion of time, etc, and learned of the wonderful aspects of Swazi culture: happiness and optimism, even in the most difficult situations.

Especially we thank Jos, with whom we shared meals and a home for some days; he was our tour guide during our trips, and patiently dealing with our bad English he showed us many traditions of Swazi culture, helping us to learn of some aspects that are difficult to understand for us.

It was a wonderful experience, even if sometimes it was hard because, for the first time in our lives, we had to cope with a completely different culture. We learned humbleness and simplicity, and to trust others. When we arrived in Swaziland we intended to help and do the best we could, but when we left we realized that we received even more: smiles, stories, gazes, handshakes and hugs filled us with joy and made us grow in a way we couldn’t imagine before.

This experience has lasted in our hearts, and now, back in Italy, we desire everyday the same beauty of living together happily, as we experienced in Swaziland. Meeting the Sisters and all the people, who gave us their time in the mission, was a real gift, and we thank you.

Selly, Cate, and Silvia

Here is the original in Italian:

Siamo tre studentesse del quinto anno di medicina italiane Caterina, Silvia e Selena, vorremmo raccontare l’esperienza vissuta a St Philips Swaziland con Sr. Diane Delle Molle e Sr Barbara, dal 25 luglio al 10 agosto.
Questa esperienza è nata dall’incontro di Caterina con sr. Diane a Milano, in Italia. Caterina si trovava nella clinica Columbus per consegnare del materiale a Sr. Diane, che non conosceva; Caterina infatti lavora nella fondazione Maria Bonino che sostiene progetti soprattutto in ambito sanitario in Africa.
Da quell’incontro così casuale Caterina fu molto colpita. Arrivando in università raccontò alla sua compagna di studi- Silvia- di aver incontrato una persona molto speciale. Sr Diane aveva detto a Cate che visitare St Philips sarebbe stata un’occasione per crescere.
Silvia, subito contagiata dall’entusiasmo di Caterina, pensò che fosse un’ottima idea.
Da lì il passo fu breve: insieme a un’altra compagna di università, Selly, decidemmo di partire.
Il 23 sostenemmo l’ultimo esame e il 24 prendemmo l’aereo.
Ad attenderci all’aeroporto di Manzini c’era Sr Barbara, con cui, in una corsa indiavolata sulle strade dello Swaziland su un camioncino che imparammo poi a conoscere bene, arrivammo a St. Philips.
Le prime impressioni furono tante: prima lo stupore per l’accoglienza gratuita e generosa delle srs, poi la meraviglia davanti a un luogo così diverso dal paesaggio italiano a cui siamo abituate.
Quello che più ci colpì del posto fu l’immensità dello spazio ma anche la desolazione: intorno, fino all’orizzonte, si estende solo il bush, terra brulla con sterpaglie di rovi, sopra un cielo infinito quale non avevamo mai visto e una luce bellissima a invadere tutto.
Ci aspettavamo di trovare un villaggio, ma in realtà, come abbiamo imparato poi, in Swaziland non ci sono villaggi, e la gente vive nelle homesteads. La missione è l’unico punto di aggregazione del luogo.
La casa dove abbiamo vissuto era davvero confortevole; un’altra sorpresa!
Le sisters avevano pensato proprio a tutto: oltre ad averci rifornito di provviste, ci avevano preparato un programma dettagliatissimo delle cose da fare nella settimana: noi italiane non siamo abituate a tutta questa organizzazione!
La sera seguente siamo andate con Jakonia a consegnare delle coperte ad alcune famiglie per far fronte alle rigide temperature notturne poiché le capanne, costruite con fango e paglia, sono dotate solo di fuoco quale fonte di calore; siamo state davvero colpite dall’ambiente: era notte fonda, l’unica luce era quella dei fuochi accesi nelle capanne e quella della volta stellata, ci siamo rese conto per la prima volta della bellezza e dell’immensità delle stelle – in Italia c’è sempre troppa luce per poterle vedere- e il cielo del sud dell’africa non è quello a cui siamo abituate, sembra un enorme manto luminoso che ti circonda e ti avvolge in ogni direzione. E’ davvero stupefacente!
Ma a colpirci di più sono state le persone incontrate, primo fra tutti Jakonia che, in quel gesto così semplice di dare le coperte, aveva una familiarità, una discrezione e un amore davvero grandi per le persone delle homesteads, senza far provare vergogna a chi le riceveva.
Con David, un infermiere davvero bravo che lavora nella missione, siamo andate nelle homesteads a visitare gli ammalati: è stata un occasione per entrare in contatto con la gente del luogo e sperimentare come sia importante che ogni singola persona sia curata e seguita in modo individuale dal punto di vista sanitario ma anche umano e assistenziale; la gente spesso ha difficoltà a recarsi nella missione per essere curata.
Il giovedì con Bongani siamo partite prima dell’alba con il solito mitico camioncino per andare a raccogliere le persone che nelle homesteads intorno avevano bisogno di recarsi all’ospedale di Siteki. Durante il viaggio abbiamo imparato a conoscere Bongani, che si è rivelato una persona stupenda, di poche parole ma piena di attenzione per noi e per i malati.
A Siteki abbiamo condiviso il lavoro dei medici e soprattutto degli infermieri: abbiamo scoperto che in Swaziland ci sono solo 80 medici!!
E’ stata un’occasione per conoscere la realtà sanitaria dello Swaziland: le condizioni igieniche sono pessime e soprattutto c’è un disperato bisogno di personale qualificato, che si occupi anche di insegnare alla gente del posto come occuparsi dei malati.
Il tempo che ci rimaneva libero lo abbiamo trascorso all’hostel; abbiamo conosciuto soprattutto Simo, Siswei, Mtula tra i teachers e molti dei ragazzi. Abbiamo condiviso con loro le attività del pomeriggio le lezioni di inglese, i giochi, la raccolta di legna nel bush. Ci siamo divertite un sacco a giocare con i ragazzi e insegnare dei nuovi giochi, ma soprattutto ci siamo affezionate moltissimo!! E’ sconvolgente vedere come siano felici e coi pochi mezzi che hanno a disposizione ce la mettano tutta per divertirsi.
Le sisters, viste le nostre ancora acerbe conoscenze mediche, hanno pensato di affidarci la realizzazione delle tende per il nuovo Health Care Centre; così un pomeriggio siamo partite alla volta di Manzini con una jeep dal motore un po’ scassato insieme a cinque donne della missione per comprare il materiale. Il viaggio è stato assurdo ma divertente: ci sono stati dei momenti di scoraggiamento soprattutto per Caterina che guidava, oltre a non essere abituata alla guida a sinistra era preoccupata per le condizioni della macchina: le salite siamo riuscite a superarle solo grazie alle nostre preghiere! In Italia le strade, il traffico e il modo di guidare sono molto diversi, dovete venire per sperimentare di persona!
Comunque dopo due ore siamo riuscite ad arrivare a destinazione: è stato difficile confrontarsi sulla scelta dei tessuti, diciamo che è stato uno scontro-incontro tra la moda italiana e quella africana!!! Con l’aiuto di una gentilissima signora abbiamo familiarizzato con le macchine da cucire- rigorosamente dotate di manopola a mano- e armate di molta pazienza siamo riuscite a confezionare le tende.
Nei giorni successivi le sisters ci hanno chiesto di pulire i vetri dell’Health Care Centre, e così abbiamo lavorato insieme agli operai e siamo diventate amiche di Stadium, che ci ha raccontato la sua storia. E’ stato bello confrontarsi con lui ed è stata ancora una volta un’occasione per capire che solo lavorando insieme si può trasmettere un modo diverso di fare le cose, anche le più semplici. E’ stato molto difficile abituarsi alla visione del lavoro “africana”, molto diversa da quella individualista e stacanovista occidentale, infatti il nostro lavoro è stato trovare un punto di incontro e una spinta verso la crescita di una collaborazione con Stadium e gli altri operai basata sul reciproco ascolto e insegnamento. Quello che abbiamo sperimentato è che l’aiuto più grande che possiamo dare non sia tanto realizzare progetti per migliorare condizioni critiche quanto donare il nostro tempo per costruire braccio a braccio un modo diverso di vivere arricchendosi a vicenda.
Così è possibile trasmettere ciò che di più prezioso c’è nella nostra cultura (come l’attenzione al particolare, la metodicità, il senso della fatica e del tempo) e assorbire gli aspetti meravigliosi della cultura Swazi: la felicità e l’ottimismo anche nelle situazioni più dure.
Un ringraziamento speciale va a Jos, con il quale abbiamo condiviso molte cene e lo stesso tetto per qualche giorno; è stata la nostra guida nei momenti di svago e, con molta pazienza per il nostro scarso inglese, ci ha spiegato molte usanze della cultura Swadi aiutandoci a capire ciò che per noi a volte risultava incomprensibile.
E’ stata un’esperienza stupenda e a volte dura che ci ha, per la prima volta, messe a confronto con una cultura completamente diversa dalla nostra, insegnandoci ad essere umili e ad entrare in punta di piedi in un mondo, spesso per noi difficile persino da immaginare, che ci ha trasmesso l’importanza della semplicità e della fiducia nel prossimo.
Siamo partite con l’intenzione di aiutare il più possibile ma, una volta tornate, ci siamo rese conto di aver ricevuto molto di più..i sorrisi,le storie, gli sguardi, le strette di mano e gli abbracci ci hanno riempito il cuore e ci hanno fatto crescere come non credemmo possibile.
Tornando in Italia desideriamo che questa esperienza non resti una parentesi isolata, ma che la bellezza dello stare insieme per un progetto e un ideale più grandi continui anche qui in Italia nella nostra quotidianità. L’incontro con le sisters soprattutto, ma anche con tutte le persone che ci hanno dedicato il loro tempo nella missione è stato un dono grandissimo per il quale non possiamo fare altro che ringraziare.

Selly Cate Silvia